sabato 13 febbraio 2016

5 Champagnes per San Valentino 2016




Ecco alcuni champagnes, per domani sera, facilmente reperibili, non estremi, bensì rotondi, con quelle giuste morbidezze che sapranno colpire diritte al cuore.

Anche per quest’anno, la line-up è in rosa, ma quella non millesimata, la quale consente di restare in una forcella di prezzo che non varca i 50 euri, di norma, anche in enoteca, eccezion fatta per L-P che buca, di poco, la soglia.

Qualora l’ampiezza della tasca consentisse andare ben oltre quel budget, allora l’opzione millesimata, aprirebbe un esteso, quanto gustoso ventaglio.
Ma restiamo con i piedi per terra.



Mineralità, ciliegia e cioccolato



Vellutate carezze speziate




 Uno tra i migliori champagne rosé di récoltant
 Affilate freschezze e profondità di frutta, iodio e caffè.


 

 Profilo marino, incenso e toni ferrosi
Convincenti armonie



Texture di gran pregio, sorsi allusivi e meta garantita,
a condizione di aver declamato almeno 3 frasi d'amore di Fedez.




giovedì 11 febbraio 2016

Mouzon Leroux & Fils Champagne Grande Réserve Extra Brut s.a.




Quando non conosco una maison – ahimè, sono tantissime – mi aggrappo all’etichetta. Raramente, una truce, custodisce un buon nettare; più verosimilmente, quella essenziale, mai pacchiana, riserva belle sorprese. Non è una regola, forse è culo ma, fatte salve le eccezioni, spesso funziona.

Prima ho bevuto, assai bene – è il loro base – appuntando 4 note in croce, poi ho cercato il sito - bello e sintetico, senza orpelli, interessante da sfogliare - che ti suggerisco di sbirciare.
Vignerons de père en fils depuis 1776, questo l’esordio sul web. L’azienda – in conversione biodinamica dal 2008 - ha sede a Verzy, comune Grand Cru, dove coltiva, divisi su 100 parcelle, 8 dei 10 ettari di proprietà – i restanti sono in altri tre villaggi vicini – nei quali figurano, oltre ai vitigni classici, anche ceppi delle vecchie varietà champenoise: Arbanne, Pinot Blanc, Petit Meslier e Pinot Gris.

Questo è 30 Chardonnay e 70 Pinot Noir, vendange 2008 al 65%, 35% vini di riserva degli anni che vanno dal 2005 al 2007, quattro anni sui lieviti, dosaggio a 2,5 gr./lt., dégorgement aprile 2013.

Tanto il naso, quanto il palato, non sono irrobustiti, nè appesantiti dalla bacca nera che, pur essendo maggioritaria, non picchia come un fabbro ferraio, giacchè il suolo di Verzy offre più garbo che muscoli. Dunque, tanta eleganza, unita alla freschezza, ai fiori bianchi, alle sensazioni agrumate, alle note della fragolina, del lampone e del ribes.

Signorilità e generosità, che ritrovo all'assaggio, con l'innesto della texture minerale, che conferisce ulteriore seduzione ad un sorso, la cui complessità e profondità superano, di gran lunga, un aperitivo disimpegnato.